Dopo la notte

Dramma in unico atto

Regia: Mariagabriella Chinè

Debutto: 21 giugno 2019 – Piccolo Teatro San Vigilio (Roma)

Quando ci guardiamo intorno, quando ci rivolgiamo al nostro prossimo, spesso è facile imbattersi in persone che “cadono”: gli ultimi, i meno fortunati, ma anche uomini e donne comuni che cercano nella propria vita un obiettivo, un punto di riferimento, una Luce.

I santi cristiani hanno trovato questa strada attraverso la Fede, amando, professando carità e talvolta donando se stessi nel sacrificio del martirio. Lottare e cadere per salvare gli altri, “vincere soccombendo”, questa è la regola di San Vigilio, vescovo di Trento e martire, vissuto nel IV secolo, e dei suoi predicatori cappàdoci: Sisinio, Martirio e Alessandro, che prima di lui hanno perso la vita durante la missione di evangelizzazione.

“Dopo la notte” vuole trattare quell’esempio attraverso un contesto più moderno e immediato. Siamo nella cella di sicurezza di una caserma dei carabinieri: tre derelitti, giunti lì dentro per ragioni molto diverse tra loro, incrociano le proprie vite per una notte, in attesa dell’alba e di nuovo della libertà.

FRANCESCO Alla fine è così, rimani da solo. Ma qualcuno deve pur essere l’ultimo. Sai quanta gente vedo in giro che vive drammi, che soffre, che ha malattie incurabili: però restano tutti al loro posto, ci provano, lottano perché hanno un obiettivo per il quale vale la pena resistere. […] È un mondo pieno di martiri, qualcuno destinato anche al Paradiso. Spesso risorgi e fai del bene senza neanche saperlo, ma solo dopo che sei crollato. Come dopo una notte in prigione, quando tutto è buio ma poi alla fine arriva sempre la luce.

 Per richiedere il copione scrivere a: autore@massimosimonini.it